Welcome Francesco Fai

Reports from Italy

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (rickyvox) » Wed Sep 17, 2008 4:39 pm

Hi, Francesco: greetings from the other side of the mediterranean sea
:wink:
User avatar
(rickyvox)
New member
 
Posts: 83
Joined: Tue May 25, 2004 5:00 am
Location: Andalucia, Spain

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (paul_yan) » Thu Sep 18, 2008 10:02 am

Welcome, Francesco! :D
User avatar
(paul_yan)
RRF Consultant
 
Posts: 2119
Joined: Tue Dec 10, 2002 2:09 pm
Location: Beijing, China

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (rickinroma) » Thu Sep 18, 2008 11:38 am

thanks all ....I am still abroad on holiday until the end of september but I quickly jump in when I have the chance :)
User avatar
(rickinroma)
RRF Consultant
 
Posts: 1039
Joined: Tue Oct 19, 2004 11:27 pm
Location: Brussels, Belgium

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (Carmelo) » Mon Feb 17, 2014 5:45 am

After many years, I finally have my 360/12 Jetglo RickenbacKer.

I hope that in the near future some events related to Rick guitars and basses will be organized in Italy. Please inform me if any event will be held in Italy.
(Carmelo)
New member
 
Posts: 4
Joined: Thu Feb 13, 2014 5:03 am

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (rickinroma) » Mon Feb 17, 2014 5:58 am

Welcome Carmelo and congratulations for your new guitar.
We should indeed work on an Italian event.
User avatar
(rickinroma)
RRF Consultant
 
Posts: 1039
Joined: Tue Oct 19, 2004 11:27 pm
Location: Brussels, Belgium

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (Carmelo) » Wed Apr 16, 2014 5:54 am

I would like just to make some brief considerations about my 360/12 Jetglo. I consider it one of the best guitar I've never played in my life. The sound is great, extremely versatile with a very wide spectrum for experimentation and new styles. I play mainly rhythm guitar and my personal original songs with my group: I do not play covers. I think that using this guitar just to play the Beatles songs (above all from "A hard days night") is a serious limit. The possibility to experiment given by the sound this guitar can provide (through the ric-o-sound, the high dinamic potentials of the high gain pickups, the variety of sounds using the 3rd controller, etc.) is extremely wide.
I think that this guitar (I use my Ric with an Egnater valve tweaker 40 combo) doesn't require many effects: its natural sound is enough in order to have a wide spectrum of tones. Bass and treble sounds are excellent: absolutely no need for chorus or reverb. I believe that the best your guitar (and amp) the less you need additional effects.
The guitar is very well built: high level for the details and finish.
Well, now I prefer to continue writing in Italian in order to better clarify some personal opinions to an eventual italian speaker audience.

Questa chitarra è veramente molto bella, particolare e speciale per le sue sonorità e le per le amplissime possibilità che può offrire. E' decisamente uno strumento molto ben costruito e versatile. So che l'aspetto più discusso è sicuramente il manico che molti ritengono troppo stretto. La 360/12 dispone le 12 corde su una tastiera che normalmente ne contiene 6. Questo ovviamente vuole dire che di spazio ce ne sarà certamente meno. Personalmente ho le dita lunghe e sottili e per certi versi questa chitarra sembra essere fatta su misura per me. Molti anni fa possedevo una 12 corde acustica-folk: è stato l'unico strumento di cui mi sono liberato in vita mia. Manico troppo grosso, corde troppo lontane, frets troppo marcati. Dopo poco le mani mi facevano male e non riuscivo più a suonare. La Ric 360/12 è l'esatto opposto. Torno a dire: il manico è perfetto per me, ma chi possiede dita corte e grosse probabilmente avrà dei problemi. Io, ripeto, ho trovato una 12 corde fatta praticamente su misura.
Personalmente credo che un plettro piuttosto morbido possa facilitare la sua suonabilità e, secondo me permette anche di sfruttare al massimo l'enorme potenziale della dinamica di questa chitarra. Senza ricorrere ad effetti si può avere una tavolozza di suoni molto estesa: suoni più caldi, più metallici, squillanti, cupi. aggressivi, morbidi... Con questa chitarra si può sperimentare molto, si possono tentare sonorità molto particolari. Mai limitarsi al "già cucinato" da altri e questa chitarra lo permette (soprattutto per chi ama la psicadelia)...
Oltre alla Rci 360/12 posseggo altre chitarre, ma devo dire che questa ha qualcosa di veramente particolare (mi verrebbe da dire "struggente") sia per i suoni che per la parte estetica (oserei dire "mozzafiato"). Suono la chitarra (soprattutto ritmica) da decenni e devo dire che, anche se si possono fare degli assoli molto belli, questa "è" la chitarra ritmica. Sicuramente non è uno strumento per tutti e meno che mai per un principiante. Tanto per dire: non è come una Telecaster (posseggo una American Standard - fantastica) che attacchi il jack e suoni. Non basta alzare il volume a tavoletta e pestare comevieneviene. Qui serve gusto per le sonorità, ricerca, tecnica, tanta creatività e mani. Non dico che sia uno strumento migliore o peggiore di altri: dico che è su un altro livello.
Tutto questo mi serve per dire che la Rickenbacker 360/12 è veramente una grande chitarra. In Italia però, come tutte le chitarre Rickenbacker, sono poco conosciute (probabilmente perchè non di moda), poco comprese e male impiegate. E' molto difficile trovarle (io l'ho comprata in Germania) e quelle poche che si trovano non hanno dei prezzi particolarmente competitivi. Inoltre non ci sono rivenditori, credo, abbastanza preparati sulle Rickenbacker. La mia piccola esperienza, forse non del tutto illuminante, mi ha fatto conoscere rivenditori che fornivano informazioni sbagliate, non sempre molto positive, e fuorvianti.
In conclusione posso solo dire che queste chitarre andrebbero meglio valorizzate in Italia e meglio conosciute perchè ritengo che meritino un'attenzione e una stima degne della loro storia e della loro qualità costruttiva. Sono a disposizione dei chitarristi italiani (ritmici e non) che volessero maggiori chiarimenti, informazioni e dettagli su queste incredibili chitarre.

PS: inutile dire che quando avrò modo e denaro cercherò di acquistare una 660/6 Fireglo. Chi lo sa! Vedremo...
(Carmelo)
New member
 
Posts: 4
Joined: Thu Feb 13, 2014 5:03 am

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (Carmelo) » Tue Apr 19, 2016 3:22 am

I have written in my last post that my secret dream was a Ric 660. Last week I have bought am incredible 2014 Rickenbacker 660/6 Fireglo! This is an excellent guitar: quality, finishing and sound are superb. This guitar is not so common in Italy, hard to find in shops, but I consider Ric 660/6 one of the best guitars I have played in my life.

Now I'm a proud owner of two Rickenbacker Sisters: a 360/12 Jetglo and this 660/6 Fireglo!
Attachments
Rickenbacker Sisters.jpg
(Carmelo)
New member
 
Posts: 4
Joined: Thu Feb 13, 2014 5:03 am

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (jps) » Tue Apr 19, 2016 8:06 pm

Congrats, Carmelo! 8) I used to have a MG 660/12 and a 75th Anniversary 660, they are great guitars.
User avatar
(jps)
RRF Consultant
 
Posts: 36218
Joined: Wed Feb 12, 2003 6:00 am
Location: Not of this Earth

Re: Welcome Francesco Fai

Postby (rickinroma) » Thu Apr 28, 2016 1:19 pm

Bravo Carmelo
User avatar
(rickinroma)
RRF Consultant
 
Posts: 1039
Joined: Tue Oct 19, 2004 11:27 pm
Location: Brussels, Belgium

Previous

Return to Italian Chapter: by Francesco Fai

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest